lunedì 15 settembre 2014

Recensione Rhapsody per Nintendo DS


Dopo mesi e mesi di apatia sul fronte videogiochi, mi sono decisa ad iniziare qualcosa per Nintendo DS, una console un po' tralasciata nell'ultimo periodo (onta e disonore su di me!).
Inizialmente ho fatto l'errore terribile di provare Dragon Quest Monster Joker, convincendomi che fra le alternative fosse il male minore: in italiano, spin off di una saga che adoro, "Come potrebbe deludermi?" mi sono detta.
L'ho abbandonato precipitosamente dopo meno di un'ora di gioco..Ma di questo parlerò un'altra volta.

Ciò che importa è che ho ripiegato su Rhapsody, e ne sono più che felice, perché credo sia uno dei giochi più particolari e divertenti che io abbia mai provato.



Rhapsody è fondamentalmente un GDR di stampo orientale, con una trama inusuale e dei personaggi molto ben caratterizzati. 

La sua principale peculiarità sono i momenti musical (Non a caso il 'sottotitolo' è proprio "A Musical Adventure"!) disseminati nella storia per rafforzare la trama. Lo devo ammettere, li ho saltati quasi tutti. A mia discolpa posso solo dire che non sopporto tale genere di intrattenimento, MA, ed è un grosso ma, i pochi che ho visto erano molto carini. 



La trama risulta abbastanza innovativa: dopo cumuli e cumuli di giochi di ruolo dove il protagonista è l'eroe buono che deve salvare il mondo da una certa minaccia, trovare una ragazzina che si innamora perdutamente di un principe tanto da rischiare la sua vita a più riprese per salvarlo.. Beh, è quasi un sogno.


Va detto inoltre che la prima fase di gioco che funge da tutorial e che introduce i principali personaggi del gioco è molto più ampia del consueto: personalmente, giocando con calma e facendo tutto per bene, ho impiegato due ore buone a finirla. Credo sia l'introduzione ad un gioco più ampia mai vista prima. Considerando poi che il gioco in totale dura una decina di ore, è stata una scelta coraggiosa da parte dei programmatori.
La caratteristica più peculiare del gioco è che la nostra protagonista, Cornet, può parlare con bambole e pupazzi, e saranno proprio loro ad accompagnarci nell'avventura.
Purtroppo però alcuni di questi pupazzi possono essere persi durante il gioco, o meglio, potreste non trovarli mai. Molti vengono rinvenuti in luoghi dell'ambientazione già visitati, quindi a meno di non avere una guida sotto mano o di essere talmente perfezionisti da rivisitare ogni tot tempo tutti i luoghi, beh la collezione potrebbe essere incompleta. Per altri pupazzi invece è questione di tempo, si possono trovare compiendo determinate azioni solo entro un certo periodo, dopodiché l'opportunità svanisce e il pupazzo non può essere rintracciato.



La grafica risulta molto ben fatta, e pur essendo i personaggi miniaturizzati per dare un effetto fiabesco e carino in più, tutte le sprite risultano essere molto somiglianti e accurate. 
Le animazioni sono ben studiate e tutti i personaggi hanno un'ampia varietà di espressioni particolari e una gestualità molto curata.
Anche il reparto sonoro è ben realizzato: nei momenti musical assistiamo a veri e propri eventi musicali, le voci sono in giapponese accompagnate da canzoni molto orecchiabili (almeno, quelle che ho sentito, mea culpa!). 
Durante il gioco le musiche che si susseguono non stancano mai, sono molto varie e piacevoli. L'unica pecca del reparto sonoro è il maledettissimo rumore di selezione: premendo A per confermare una scelta il rumore sarà fortissimo e squillante. Inutile dire che durante i combattimenti ho rischiato di perdere l'udito più e più volte..



Dal lato gameplay invece devo ammettere di essere rimasta molto delusa. I combattimenti si sono rivelati estremamente facilitati, tanto che per l'intera durata del gioco ho sempre e solo usato la modalità automatica, che prevede esclusivamente attacchi fisici da parte della squadra (boss a parte) e non ho mai avuto bisogno di usare gli oggetti (sia di cura che di attacco).

Alla fine dell'avventura però, il livello di difficoltà cresce esponenzialmente, rendendo il confronto con il boss finale abbastanza frustrante. 



Inoltre, utilizzando la lingua inglese del gioco potreste incorrere in un glitch, fortunatamente risolvibile: nel Tempio del Ghiaccio, esaminando un determinato oggetto (niente spoiler) potrebbe bloccarsi la schermata del vostro DS o 3DS impedendovi di fare qualsiasi cosa.
L'unico modo per superare il bug è quello di settare la lingua della vostra console su Francese, esaminare nuovamente l'oggetto, salvare, spegnere, cambiare la lingua di nuovo su Inglese e riprendere a giocare come se nulla fosse.

Insomma, gioco consigliatissimo a chi ha voglia di giocare un discreto GDR con una trama meravigliosa, con personaggi divertenti, grafica adorabile e reparto sonoro quasi completamente perfetto.